Vigili del Fuoco Volontari: come iscriversi negli elenchi del personale volontario

Vigili del Fuoco Volontari

Volete far parte dei Vigili del Fuoco Volontari? Ecco quale procedura seguire per entrare nel Corpo dei Vigili del Fuoco

Sono tanti i giovani che vorrebbero entrare nei Vigili del Fuoco Volontari ma che hanno difficoltà a reperire le informazioni necessarie per farlo. Per questo motivo, in questo post abbiamo deciso di fare un po’ di chiarezza spiegando passo passo l’iter da seguire per entrare nei Vigili del Fuoco come Volontario.

Come diventare Vigili del Fuoco Volontari

Innanzitutto, è giusto sottolineare che i Vigili del Fuoco Volontari fanno parte a tutti gli effetti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Anch’essi, infatti, nel momento in cui sono in funzione, hanno gli stessi obblighi dei colleghi in servizio permanente e dipendono dal Comando Provinciale. La differenza fondamentale tra Vigili del Fuoco Volontari e quelli Permanenti è che i primi non hanno vincoli lavorativi con il Corpo ed entrano in azione solo quando è necessario. Il loro servizio per il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (CNVVF) è dunque temporaneo e può durare al massimo per 20 giorni continuativi, se le circostanze eccezionali lo richiedono.

Come vi abbiamo già detto nella Guida Come diventare Vigili del Fuoco Volontari, la procedura per entrare nei Vigili del Fuoco come Volontari comincia dalla presentazione della richiesta ufficiale. I cittadini che intendono arruolarsi come Vigili del Fuoco Volontari, infatti, devono compilare un modulo di iscrizione e presentarlo presso l’Ufficio Personale o Volontari del Comando Provinciale di residenza, o presso il Comando dei Vigili del Fuoco della provincia limitrofa, nel caso si desideri essere impiegati presso quest’ultima provincia, o ancora, inviando una raccomandata A/R al Dipartimento dei Vigili del Fuoco. Alla richiesta deve necessariamente essere allegata la fotocopia di un Documento d’Identità in corso di validità; inoltre, consigliamo anche di allegare la fotocopia del Codice Fiscale, visto che alcuni comandi la chiedono per inserirla nella pratica).

Requisiti per diventare Vigili del Fuoco Volontari

Per diventare Vigili del Fuoco Volontari è necessario essere in possesso di determinati requisiti anagrafici, socio-culturali e soprattutto fisici. Nello specifico, i requisiti per diventare Vigili del Fuoco Volontari sono:

  • cittadinanza Italiana
  • età compresa tra i 18 ed i 45 anni
  • godere dei diritti politici e non essere stati dispensati o licenziati dall’impiego presso la Pubblica Amministrazione
  • Diploma di istruzione secondaria di primo grado (licenza media inferiore)
  • Idoneità psicofisica e attitudinale (accertata dai competenti Comandi Provinciali)
  • Requisiti di qualità morali e di condotta

Inoltre, è incompatibile con la posizione di Vigile Volontario a domanda:

  • il personale permanente in servizio nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
  • il personale delle Forze Armate, delle Forze di Polizia e delle altre istituzioni pubbliche preposte all’ordine ed alla sicurezza pubblica, con eccezione degli appartenenti ai Corpi di Polizia degli enti locali, previo nulla osta delle amministrazioni competenti
  • gli amministratori di società e dei titolari di impresa che producono, installano, commercializzano impianti, dispositivi e attrezzature antincendio e dei titolari di istituti, enti e studi professionali che esercitano attività di formazione, vigilanza, consulenza e servizi nel settore antincendio

Per quanto concerne i requisiti psico-fisici e attitudinali di cui devono essere in possesso coloro che vogliono essere iscritti nei quadri del personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, questi sono:

  • sana e robusta costituzione fisica e piena integrità psichica
  • statura non inferiore a metri 1,62
  • peso corporeo contenuto nei limiti previsti dalla seguente formula: I.M.C. = p/(h x h)
    I.M.C. = indice di massa corporea
    p = peso corporeo (espresso in chilogrammi)
    h = altezza (espressa in metri)
    indice di massa corporea (I.M.C.) non superiore a 30 come valore per il peso corporeo massimo, non inferiore a 20 come valore per il peso corporeo minimo per gli uomini e non inferiore a 18 per le donne
  • normalità del senso cromatico, determinato mediante corretta visione dei colori fondamentali (test delle matassine di lana colorate)
  • normalità del campo visivo e della motilità oculare
  • acutezza visiva: per il profilo di vigile del fuoco volontario, visus naturale uguale o superiore a complessivi 14/10 e non inferiore a 6/10 nell’occhio che vede meno, non è ammessa la correzione con lenti; per il profilo da funzionario tecnico antincendi volontario, visus naturale uguale o superiore a complessivi 14/10 e non inferiore a 6/10 nell’occhio che vede meno è ammessa la correzione con lenti di qualsiasi valore diottrico, purché la differenza tra le due lenti non sia superiore a tre diottrie;
    percezione della voce di conversazione a sei metri da ciascun orecchio, con esclusione di uso di protesi acustica
  • apparato dentario tale da assicurare la funzione masticatoria: a tal fine viene considerata sufficiente la masticazione quando siano presenti o due coppie di molari o tre coppie tra molari e premolari, purchè in ingranaggio in occlusione, comunque il totale dei denti mancanti o sostituiti da protesi fissa non può essere superiore a sedici elementi

Quali accertamenti sanitari vengono richiesti per entrare nei Vigili del Fuoco Volontari?

Per verificare il pieno possesso dei requisiti, così come vi avevamo già anticipato nella Scheda Requisiti Volontario Vigili del Fuoco, coloro che si candidano per tale ruolo e che compilano il modulo di iscrizione negli elenchi del personale volontario del CNVVF, devono sottoporsi a numerosi accertamenti sanitari che sono a loro carico e che devono essere effettuati entro i tre mesi antecedenti la data della visita medica generale che, praticata dal medico incaricato del servizio sanitario del comando provinciale, serve per l’accettazione della richiesta di iscrizione.

Per quanto riguarda le analisi richieste:

  • Esame urine
  • VES
  • Emocromo completo con formula
  • Conteggio piastrine
  • Colesterolo LDL
  • Transaminasi GTP
  • Trigliceridi
  • GGT
  • Bilirubinemia totale e frazionata
  • Colesterolo totale
  • Colesterolo HDL
  • Creatinina
  • Glicemia
  • Azotemia
  • E.C.G.
  • Visita medica con relazione
  • Accertamento Psicoattitudinale
  • Spirometria
  • Visita Oculistica
  • Visita Otorino
  • Audiometria con valutazione specialistica
  • Transaminasi GOT
  • Creatinuria
  • Alcoluria
  • Esame Tossicologico
  • Intervista psicologica VVF operativi
  • Fondo dell’occhio
  • Prelievo sangue venoso
  • Test di personalità
  • Segni spontanei vestibolari

Vigili del Fuoco Volontari: tutto quello che c’è da sapere sui corsi di formazione

Coloro che vogliono ottenere l’iscrizione negli elenchi del personale volontario del CNVVF, sono obbligati a frequentare periodici corsi di addestramento teorico e pratico presso i Comandi Provinciali di residenza. Il corso è diviso in due parti: una prettamente teorica ed una pratica. Le lezioni, tenute da Istruttori Professionali VVF, trattano diversi argomenti tra cui lo studio teorico della chimica del fuoco, le sostanze pericolose (identificazione e procedure operative); gli autoprotettori; gli agenti estinguenti; le tecniche di primo soccorso sanitario; le attrezzature da intervento; i dissesti statici ed i puntellamenti; le procedure operative standard ; la Polizia Giudiziaria; la radio VVF e le radiocomunicazioni. Sono inoltre effettuate lezioni pratiche sulle Scale; vengono studiate le attrezzature tecniche, le autopompe e le pompe. All’interno del corso vengono appresi i primi elementi concernenti le tecniche Speleo-alpinistiche-fluviali; sono valutati gli interventi con materiale nucleare, biologico, chimico, radiologico e le procedure operative.

Al termine del corso di formazione, i corsisti vengono sottoposti ad un esame, anche’ esso diviso in due parti (teorico e pratico). Coloro che superano con successo sia la parte teorica sia la parte pratica dell’esame, entrano a pieno diritto negli elenchi del personale volontario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco con la possibilità di essere richiamati da subito per svolgere servizi sia presso le sedi VVF Permanenti che presso le sedi VVF Volontari. I Vigili del Fuoco Volontari hanno in dotazione sia la divisa, che è simile a quella dei vigili del fuoco, che il relativo equipaggiamento, ovviamente da restituire nel caso in cui ci si cancella dagli elenchi del personale volontario.

Per ricevere maggiori info, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

21 Commenti su Vigili del Fuoco Volontari: come iscriversi negli elenchi del personale volontario

    • Ciao Antonio. Se intendi arruolarti come Vigili del Fuoco Volontari devi compilare un modulo di iscrizione (puoi scaricarlo all’interno del nostro articolo) allegandovi un Documento d’Identità in corso di validità, e presentarlo presso l’Ufficio Personale o Volontari del Comando Provinciale di residenza, o presso il Comando dei Vigili del Fuoco della provincia limitrofa, nel caso tu desideri essere impiegato presso quest’ultima provincia, o ancora, inviando una raccomandata A/R al Dipartimento dei Vigili del Fuoco.

      • Salve mi chiamo diop medoune 12 anni in Italia devo prendere la cittadinanza quest anno ho 37 anni e sono senegalese mi piacerebbe essere uno di vuoi

        • Salve Medoune, se il tuo desiderio è quello di diventare volontario dei Vigili del Fuoco, non appena avrai ottenuto la cittadinanza italiana, ti consigliamo di rivolgerti al comando provinciale di tua appartenenza (ovvero quello a te geograficamente più vicino). Ogni comando provinciale ha le proprie liste in cui vengono inseriti i nuovi volontari (al momento, però, le liste dovrebbero essere bloccate).

    • Ciao Antonio, devi compilare un modulo di iscrizione (puoi scaricarlo all’interno del nostro articolo) allegandovi un Documento d’Identità in corso di validità, e presentarlo presso l’Ufficio Personale o Volontari del Comando Provinciale di residenza, o presso il Comando dei Vigili del Fuoco della provincia limitrofa, nel caso tu desideri essere impiegato presso quest’ultima provincia, o ancora, inviando una raccomandata A/R al Dipartimento dei Vigili del Fuoco.

    • Ciao, come abbiamo scritto nell’articolo, per diventare Vigile del Fuoco Volontario è necessario avere la cittadinanza italiana.

  1. Buon pomeriggio, vorrei veramente entrare nei vvf come volontario, ma ho un problema poiché sono iscritto all’anpas e sono volontario di protezione civile, dovrei chiedere la cancellazione nei volontari di protezione civile prima di iscrivermi? Inoltre ho sostenuto un corso di 16 ore per app(servizio prevenzione e protezione) questo attestato può influenzare sulla scelta o no di far parte come volontario dei vvf? Grazie in anticipo un saluto e W VVF

    • Ciao Giampaolo, ogni comando provinciale ha le proprie liste (che, al momento, dovrebbero essere bloccate). In ogni caso, ti consigliamo di rivolgerti al comando provinciale di tua appartenenza (ovvero quello a te geograficamente più vicino).

  2. buongiorno, ho contattato il comando di genova e in effetti mi hanno detto che a loro non risultava aperta l’iscrizione alle liste (non era sicurissimo l’operatore cmq..). Io pensavo che le liste fossero aperte e poi a seconda dell’esigenza venissero convocati in base all’iscrizione le persone. Ma quando sono state chiuse? Mi confermate?

    • Salve Alessio, effettivamente – stando a quanto ci riportano le nostre fonti – molte liste dei comandi provinciali risultano al momento chiuse.

  3. BUONGIORNO, MI CHIAMO MARIA, MI PIACEREBBE DIVENTARE UNA VOLONTARIA DEI VIGILI DEL FUOCO, PERO’ VORREI SAPERE QUANTO MI TIENE IMPEGNATA, SE RIESCO A FARLO CON I MIEI ORARI DI LAVORO
    GRAZIE

    • Salve Maria, per avere tutte le informazioni necessarie, ti consigliamo di recarti al comando provinciale a te più vicino. In ogni caso, con molta probabilità, le liste per i volontari dei Vigili del Fuoco sono ancora chiuse (ma questo dipende dal comando provinciale di appartenenza).

      • Confermo che (almeno nel comando della mia provincia) le liste ad oggi sono ancora chiuse, avendo parlato con il responsabile dell’ufficio personale. Ciò che chiedo alla vostra redazione è: si può sapere di più sul perchè le iscrizioni sono chiuse, per quanto lo saranno, e come si fa ad informarsi sulla riapertura nel caso vengano riaperte? (non posso andare a chiedere tutti i giorni all’ufficio). Non riesco a trovare info da nessuna parte.

        • Salve Davide, al seguito di una prescrizione europea, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nei prossimi anni dovrebbe necessariamente assumere tutto il personale precario prima di inserire al suo interno altri Volontari. Per questo motivo le liste di iscrizione per i Vigili del Fuoco Volontari risultano chiuse.

  4. Ciao,
    vorrei sapere se da Vigile del fuoco volontario c’è la possibilità di diventare permanente, e in che modo
    Grazie
    Stefano

    • Salve Stefano, per diventare Vigile del Fuoco è necessario superare un Concorso Pubblico che viene indetto con un bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale IV serie speciale concorsi ed esami senza una cadenza periodica fissa. In ciascun bando di concorso una parte dei posti disponibili è riservata ad alcune categorie specifiche: una percentuale ai volontari in ferma breve o in ferma prefissata delle tre forze armate, una al personale volontario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che sia iscritto negli appositi elenchi da almeno 3 anni ed abbia effettuato non meno di 120 giorni di servizio, una percentuale a coloro che abbiano prestato Servizio Civile, per non meno di un anno, nel Corpo dei Vigili del Fuoco e una ai cittadini italiani.
      Vi sono anche delle procedure speciali di reclutamento nella qualifica di Vigile del Fuoco, riservata al Personale Volontario dei Vigili del Fuoco, indette dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.